Palio di San Floriano

 
La prima attestazione della presentazione del palio in festo Sancti Floriani (nel giorno della Festa di S. Floriano), è del 14 settembre 1227, quando Jesi impose al Castello di Apiro, nella diocesi di Camerino, di sottomettersi.
Nel XV secolo fu fatto obbligo dell'offerta del palio da parte della Magistratura e delle Comunità del Contado, e si iniziò a disputare, in aggiunta alla corsa dell'anello, la gara del tiro con la balestra. Sotto questa forma fu svolto per l'ultima volta nel 1808; dal 1996, nella prima settimana di maggio, in occasione della ricorrenza del Patrono, Jesi rievoca la sua antica tradizione del Palio di San Floriano disputando una sfida tra i quartieri di Santa Croce, Posterna, San Giuseppe, San Pietro e San Benedetto e contribuendo con esso a riscoprire, rievocare, valorizzare e diffondere la storia e le tradizioni della città e dei Comuni della Vallesina.
Il culto di S. Floriano era un tempo celebrato con una festa caratterizzata da tre avvenimenti principali: la cerimonia religiosa di presentazione del Pallio (dal latino pallium, mantello) da parte dei Comuni assoggettati a Jesi, i giochi svolti in onore del Santo ed infine la fiera, a cui partecipavano non solo i cittadini di Jesi ma anche individui provenienti dal Contado e dalle regioni confinanti. Il palio, uno stendardo di seta e di vari colori aveva ricamata o disegnata la figura di S. Floriano o il leone rampante, simbolo di Jesi e di molti castelli del contado. Alla vigilia della festa ogni castello eleggeva un proprio rappresentante che, recandosi alla cerimonia a cavallo, portava il palio da offrire al Santo fino all’ingresso della chiesa di S. Floriano, dove ad attenderlo erano le maggiori autorità cittadine, Gonfaloniere, Podestà e tutte le massime cariche istituzionali. Terminata la cerimonia religiosa, la festa continuava in piazza, dove avevano luogo danze, banchetti e gare. Ad allietare gli spettatori vi erano anche dei giochi, il più atteso dei quali era la gara dell’anello; la gara di abilità più importante e popolare aperta a Jesini e forestieri. La fiera di S. Floriano durava otto giorni, dal 30 aprile all’8 maggio, ossia quattro giorni prima e quattro dopo la festa vera e propria.
Oggigiorno, gli eventi pre palio consistono in un corteo storico per la cerimonia di riconsegna del Palio; una partita di tennis storico con ballete e Cerimonia di riconsegna del Palio di San Floriano; degustazione e cena con menù medievale.
Nel pomeriggio del Palio di San Floriano, l’araldo banditore ne annuncia l’inizio. A seguire, un ricchissimo calendario di appuntamenti con la storiasi articola in: gare di tiro con l'arco storico; esibizioni di gruppi storici (tamburini, armati, arcieri, falconieri, e molto altro ancora) e cortei storici ove tutti i partecipanti sono rigorosamente in abito medievale; la ricostruzione del borgo medievale, con scene di vita del tempo e momenti di grande sacralità con messe in onore del Santo;apertura delle taverne; “Scene di vita medievale” con accampamento militare; corteo storico ed esibizioni itineranti presso le taverne; cerimonia di riconsegna del Palio dei quartieri ed esibizioni; partenza del corteo dei quartieri per la benedizione dei gonfaloni; mostra “pergamene e stendardi medievali”; concerto medievale; partita di scacchi viventi; gara degli arcieri; gara degli atleti dei quartieri con vari giochi medievali; torneo della lancia degli armati; rievocazione mercato medievale; corteo con la reliquia di San Floriano scortata dai Cavalieri del sacro ordine dei Templari e Santa messa celebrata dal vescovo di Jesi; spettacolo “La battaglia della fornarina”; gara di tiro con l’arco storico tra i Comuni; spettacolo di fuocoleria; gruppo Sbandieratori; spettacoli del gruppo Tamburi; corsa della campana tra i Comuni della Vallesina; “Gara dei cento alla fune”, tiro alla fune; fuochi d’artificio conclusivi; visite guidate ad alcune chiese della città.
 
 
 

Le Attrazioni di Jesi

 
 Posizione attrazione
 Struttura ricettiva
 Evento
 Attrazione
 
 

Attrazioni di Jesi in Evidenza

Scopri l'attrazione: Chiesa parrocchiale di S. Pietro Apostolo

Chiesa parrocchiale di S. Pietro Apostolo

La chiesa sorge su un'antica costruzione risalente al periodo romano, della quale recenti scavi hanno messo in luce una pavimentazione a mosaico. Il possesso di...

Scopri l'attrazione: Studio per le Arti della Stampa

Studio per le Arti della Stampa

Questa struttura, realizzata dal Comune di Jesi, è nata con lo scopo sia di documentare la storia delle arti tipografiche che a Jesi vanta una lunga...

Scopri l'attrazione: Sale Museali di Palazzo Bisaccioni

Sale Museali di Palazzo Bisaccioni

Palazzo Bisaccioni è ubicato nel cuore del centro storico e si affaccia su una delle piazze più belle di Jesi, Piazza Colocci. L’edificio,...

Scopri l'attrazione: Museo

Museo "A. Colocci"

Nel 1984 l'Amministrazione Comunale ha acquisito gran parte del Palazzo Colocci insieme agli arredi e all'archivio storico della nobile Famiglia jesina.Il...

Scopri l'attrazione: Biblioteca Planettiana

Biblioteca Planettiana

Nel 1907 il marchese Bernardo Pianetti cedette al Municipio di Jesi la sua celebre e copiosa libreria la cui origine risale indietro di alcuni secoli.Infatti,...

Scopri l'attrazione: Chiesa dell'Adorazione Eucaristica Perpetua

Chiesa dell'Adorazione Eucaristica Perpetua

La chiesa, già dell'Orazione e Morte, nel XVI sec. apparteneva alla Confraternita dei Poveri e della Morte, il cui compito istituzionale era l'assistenza...

 

Itinerari per visitare Jesi