Lorenzo Lotto - Annunciazione

 

L’opera era collocata in origine nell’Oratorio della Confraternita di Santa Maria sopra Mercanti a Recanati, un piccolo edificio di culto ancora oggi esistente. La Confraternita, alla quale apparteneva l’Oratorio, era una delle più prestigiose del paese ed era composta, oltre che dai cittadini più ricchi, anche dai mercanti; quest’ultimi erano figure molto importanti a Recanati per il ruolo che avevano nell’organizzazione della Fiera di San Vito, evento commerciale fondamentale per l’economia del comune. Si può facilmente ipotizzare che la Confraternita avesse commissionato la tela al pittore veneto, presente nelle Marche in quel periodo, come testimonia la datazione delle sue opere a Loreto e Monte San Giusto, per collocarla sull’altare principale dell’Oratorio.

L’artista veneto, definito dalla critica “genio inquieto del Rinascimento”, per il turbamento interiore che traspare dalle sue opere, sceglie di rappresentare sulla tela le emozioni della Vergine: lo smarrimento provato da Maria all’annuncio dell’Angelo è reso evidente dallo sguardo e dai gesti della fanciulla che interrompe improvvisamente la lettura del libro di preghiere posizionato sul leggio alle sue spalle. Mentre il gatto, simbolo del male che fugge alla presenza divina, si allontana spaventato, Dio, raffigurato dal Lotto con le caratteristiche di Padre Eterno, irrompe nella tranquillità domestica, rappresentata dai numerosi oggetti di uso quotidiano (il candeliere, la cuffietta, lo scialle), presenti nel dipinto. Il giardino, che appare racchiuso dalla cornice del porticato, rimanda all’hortus conclusus, metafora della verginità e alla purezza di Maria, come il giglio che le reca in dono l’Angelo Gabriele, ma al di là degli elementi simbolici, colpisce la nostra sensibilità il timore della Vergine di essere strumento fragile della volontà di Dio.

Autore: Lorenzo Lotto
Titolo: Annunciazione
Localizzazione: RECANATI - Museo Civico Villa Colloredo Mels
Dati tecnici: 1535 ca olio su tela, 166 x 114 cm, Recanati


 
 
 

Le Attrazioni di Recanati

 
 Posizione attrazione
 Struttura ricettiva
 Evento
 Attrazione
 
 

Attrazioni di Recanati in Evidenza

Scopri l'attrazione: Biblioteca Leopardi

Biblioteca Leopardi

La Biblioteca del Conte Monaldo Leopardi (1776-1847) documenta in modo significativo quanto ancora fosse vivo l’interesse per la ricerca antiquaria e la...

Scopri l'attrazione: Chiesa di S. Petrino in Monte Morello

Chiesa di S. Petrino in Monte Morello

La chiesa era di proprietà della Confraternita degli Orti. Gli ornamenti esterni risalgono al XIV secolo, mentre il portale si presume sia del Vanvitelli...

Scopri l'attrazione: Il Colle dell'Infinito

Il Colle dell'Infinito

Poetico e ameno è il Colle dell’Infinito a Recanati (MC) che ispirò Giacomo Leopardi, uno dei più importanti poeti italiani dai tanti...

Scopri l'attrazione: Convento dei Cappuccini

Convento dei Cappuccini

Nel 1616 furono costruiti il convento e la chiesa dedicati alla Madonna di Loreto. I frati cappuccini hanno sempre avuto rapporti con la vicina famiglia...

Scopri l'attrazione: Chiesa di S. Maria in Monte Morello

Chiesa di S. Maria in Monte Morello

Nella Piazzetta del Sabato del Villaggio, su cui prospetta il palazzo Leopardi, si trova la chiesa di S. maria di Monte Morello, di origini medievali, ma...

Scopri l'attrazione: Museo Didattico-Artistico G. Leopardi del Centro Nazionale di Studi Leopardiani

Museo Didattico-Artistico G. Leopardi del Centro Nazionale di Studi Leopardiani

Il Centro Nazionale di Studi Leopardiani è nato nel 1937 con la finalità di diffondere l'opera di Giacomo Leopardi in Italia e nel mondo. Oltre ad...

 

Itinerari per visitare Recanati