La Cicerchiata

 

Dolce tipico del periodo di carnevale, è diffuso su tutto il territorio regionale, particolarmente nell'anconetano. Il nome di cicerchiata ha origine medievale e deriverebbe dalla cicerchia, un legume simile al pisello o al cece , molto diffuso nella zona umbro-marchigiana e in tutto il Centro-Sud d'Italia: pertanto  il significato di "cicerchiata" sarebbe  quello di "mucchio di cicerchie".

Ingredienti:farina, uova, burro (o olio di oliva), mistrà o cognac, zucchero, buccia grattugiata di limone, miele e, a piacere, buccia grattugiata di arancia, canditi, pinoli, mandorle tritate e abbrustolite.

Preparazione:si impasta la farina con uova,  burro (o olio),  zucchero, buccia di limone grattugiata e mistrà o cognac. L'impasto viene lavorato fino ad ottenere una pasta morbida ed omogenea che, stesa con il mattarello fino ad uno spessore di circa mezzo centimetro, viene arrotolata. Si formano in questo modo bastoncini ("bigoli") che vanno poi tagliati in piccole palline della dimensione di un seme di cicerchia. In una padella, dove intanto si è fatto scaldare lo strutto, si versano le palline facendo attenzione ad agitare spesso la padella in modo da evitare che si attacchino fra loro. Appena le palline assumono una colorazione dorata, si posano a scolare su carta assorbente. In un'altra pentola, nel frattempo, si scioglie a calore moderato del miele (eventualmente anche zucchero) fino a farlo liquefare, evitando che raggiunga la bollitura. Si versano nel miele le palline fritte (a piacere si possono aggiungere mandorle tritate e abbrustolite, pinoli, oppure buccia grattugiata di arance e canditi tagliati a dadini), rimestandoli con un cucchiaio in modo da far legare completamente il composto con lo zucchero caramellato. Successivamente il tutto viene versato su un piatto, modellato con mani inumidite fino al raggiungimento della forma desiderata e lasciato raffreddare e consolidare. La cicerchiata va servita fredda a fette o spicchi e conserva il suo gusto fragrante per alcuni giorni.

 


 
 
 

Le Attrazioni di REGIONE MARCHE

 
 Posizione attrazione
 Struttura ricettiva
 Evento
 Attrazione
 
 

Attrazioni di REGIONE MARCHE in Evidenza

Scopri l'attrazione: Il Cardeto

Il Cardeto

Il vero polmone verde in pieno centro urbano ad Ancona è il lussureggiante Parco del Cardeto, che si estende sulla sommità dei colli Cappuccini e...

Scopri l'attrazione: Il Cammino Porta d'Oriente

Il Cammino Porta d'Oriente

Il cammino spirituale e paesaggistico della Porta d’Oriente, con i suoi 44 km circa di percorso, collega Ancona, l’antica porta d’oriente, con...

Scopri l'attrazione: La Mole Vanvitelliana o

La Mole Vanvitelliana o "Lazzaretto"

La struttura architettonica, progettata dall’architetto pontificio Luigi Vanvitelli, si trova nella parte più interna del porto naturale di Ancona...

Scopri l'attrazione: Loggia dei Mercanti

Loggia dei Mercanti

La Loggia dei Mercanti è simbolo dell'anima mercantile della città di Ancona. Situata in pieno centro, vicino al porto, è difficile non...

Scopri l'attrazione: Il porto antico di Ancona

Il porto antico di Ancona

I Dori fondarono la città di Ancona nel 387 a.c.; si fermarono in questo luogo per le possibilità che il porto naturale offriva. La costa infatti...

Scopri l'attrazione: Pinguino Dive Club

Pinguino Dive Club

La Pinguino Dive Club organizza corsi sub per singoli e gruppi. Grazie alla didattica internazionale SSI (la seconda più diffusa al mondo), offre...

 

Itinerari per visitare REGIONE MARCHE