Giacomo Leopardi

 
Giacomo Leopardi, sublime poeta romantico e pensatore originale, nacque il 29 Giugno 1798 a Recanati, in provincia di Macerata. Primogenito del conte Monaldo e di Adelaide Antici, fu educato in un ambiente dominato dalle idee conservatrici del padre e dall’eccessiva severità della madre. La sua formazione si svolse sotto la guida di precettori privati e come autodidatta nella biblioteca paterna. Dotato di un’ intelligenza straordinariamente precoce imparò in breve tempo, oltre al latino, anche il greco e l’ebraico, e condusse lavori filologici che stupirono i dotti dell’epoca. Questi sette anni di studio “matto e disperatissimo” compromisero però definitivamente la sua già fragile salute. Aveva una vista debole, soffriva d'asma ed era effetto da una forma di scoliosi. Tra il ’15 e il ’16 si attuò quella che egli stesso definì la sua conversione “dall’erudizione al bello”. Abbandonò le aride minuzie filologiche e si entusiasmò per i grandi poeti del passato: Omero, Virgilio, Dante, interessandosi alla nuova corrente romantica verso la quale, però, nutrirà sempre grandi riserve. Nell’estate del 1819 la tentata fuga dalla casa paterna, sventata all’ultimo momento, provocò nel poeta uno stato di totale prostrazione. Questa crisi segnerà, in seguito, il passaggio dal “bello al vero”, ovvero dalla poesia di pura immaginazione ad una poesia nutrita di pensiero. Nel 1822 il padre gli permise di andare a Roma ma l’esperienza romana si rivelò ben presto una delusione. Nel 1825 l'editore Stella lo invitò a Milano, commissionandogli l'edizione completa delle opere di Cicerone. Annoiato dall'ambiente culturale milanese, Leopardi preferì lavorare a Bologna, compilando per Stella due antologie, una di prosa, l'altra di poesia. Nel 1827 soggiornò per breve tempo a Firenze, dove fece amicizia con il Colletta, il Capponi e Niccolò Tommaseo; fu poi a Pisa, e di nuovo a Recanati. Intanto le sue condizioni fisiche si aggravarono. Accettò dunque l'invito dei suoi amici fiorentini a trasferirsi a Firenze, dove conobbe l’amore tormentato per Fanny Torgioni Tozzetti che ispirò le sue ultime liriche. Leopardi si legò poi all'esule napoletano Antonio Ranieri, seguendolo a Roma e a Napoli dove morì nel 1837.
 
 
 

Le Attrazioni di Recanati

 
 Posizione attrazione
 Struttura ricettiva
 Evento
 Attrazione
 
 

Attrazioni di Recanati in Evidenza

Scopri l'attrazione: Chiesa di S. Maria Assunta di Castelnuovo

Chiesa di S. Maria Assunta di Castelnuovo

E' la chiesa più antica di Recanati (risale alla prima metà del XII secolo), di fondazione romanica e appartenuta all'ordine dei Benedettini di...

Scopri l'attrazione: Museo Diocesano - sezione di Recanati

Museo Diocesano - sezione di Recanati

Il Museo è ospitato nei locali del vecchio Episcopio, antica costruzione risalente al 1240, che, dopo varie ristrutturazioni e destinazioni d'uso, venne...

Scopri l'attrazione: C.E.A. WWF Villa Colloredo

C.E.A. WWF Villa Colloredo

Il CEA WWF Villa Colloredo è situato nel cuore del paese di Recanati, all’interno del Complesso di Villa Colloredo Mels immerso in un parco urbano...

Scopri l'attrazione: Museo Didattico-Artistico G. Leopardi del Centro Nazionale di Studi Leopardiani

Museo Didattico-Artistico G. Leopardi del Centro Nazionale di Studi Leopardiani

Il Centro Nazionale di Studi Leopardiani è nato nel 1937 con la finalità di diffondere l'opera di Giacomo Leopardi in Italia e nel mondo. Oltre ad...

Scopri l'attrazione: Museo Civico di Villa Colloredo Mels

Museo Civico di Villa Colloredo Mels

La sede del Museo è Villa Colloredo-Mels, antica residenza del ramo marchigiano dell'omonimo casato friulano. Di impianto medievale, l'edificio assunse...

Scopri l'attrazione: Museo dell'Emigrazione Marchigiana

Museo dell'Emigrazione Marchigiana

Inaugurato alla fine del 2013, il Museo dell'Emigrazione Marchigiana allestito negli ambienti di Villa Colloredo Mels, intende accompagnare e coinvolgere il...

 

Itinerari per visitare Recanati