Carlo Crivelli

 

Nato a Venezia,circa nel 1430,da una famiglia di artisti,frequenta la scuola dei Vivarini. Per via della concorrenza locale è costretto a cercare lavoro altrove.
Dopo una esperienza padovana, finita in carcere, emigra in Dalmazia, al seguito del maestro Squarcione, ma anche lì trova poco lavoro e molti guai.

Rientrato in Italia, si stabilisce nelle Marche, prima ad Ancona e ad Ascoli Piceno, lavorando molto per committenze religiose. Tuttavia il trasferimento non farà la sua fortuna,condannandolo  ad un lungo oblio. Oggi il maggior numero delle sue  opere si trova in Gran Bretagna e non per caso, dato che lo sfortunato artista viene riscoperto dal movimento dei Preraffaelliti, per i quali sarà modello inimitabile di gusto ed originalità,un’ eccezione nel panorama artistico italiano del secondo Quattrocento. In controtendenza rispetto alla classicità fiorentina, ha inventato uno stile unico, espressionistico e dai colori fulgenti. Le sue tavole raccolgono gli ultimi lampi della tradizione gotica in Italia.

Le sue opere, commissionate soprattutto nelle Marche tra Camerino, Fabriano, Ascoli Piceno, furono in parte disperse in importanti musei all’estero. Tra le tante segnaliamo: il Polittico di Massa Fermana(FM), Madonna col Bambino di Ancona, il Trittico di Montefiore, il Polittico di Monte San Martino(MC),il Polittico di Ascoli Piceno,la Pala di San Francesco a Fabriano(AN) inoltre la Madonna della candeletta,  l’Incoronazione della Vergine , entrambe di Brera(MI) e la Consegna delle chiavi di Berlino.

La morte del pittore si suppone avvenne all'incirca nel 1495 e il luogo è tutt’oggi incerto tra i tanti  comuni nelle Marche dove ha esercitato la sua arte fino all’ultimo.

 

 

 

 


 
 
 

Le Attrazioni di REGIONE MARCHE

 
 Posizione attrazione
 Struttura ricettiva
 Evento
 Attrazione
 
 

Attrazioni di REGIONE MARCHE in Evidenza

Scopri l'attrazione: Le mostre del Giubileo - Francesco nell'arte - da Cimabue a Caravaggio

Le mostre del Giubileo - Francesco nell'arte - da Cimabue a Caravaggio

Nel lontano 1215, San Francesco d'Assisi, Patrono d'Italia, si recò per la prima volta nei territori Piceni, dove ebbe un grande seguito ed istituì...

Scopri l'attrazione: Ponte di Cecco

Ponte di Cecco

Il Ponte di Cecco – incastonato in un’area appena fuori il centro storico di Ascoli Piceno nella zona di Porta Maggiore – fu edificato nel I...

Scopri l'attrazione: Piazza Arringo

Piazza Arringo

Piazza Arringo, detta anche piazza dell'Arengo, è la piazza monumentale più antica della città di Ascoli Piceno. Di forma rettangolare, la...

Scopri l'attrazione: Palazzo dell'Arengo - Pinacoteca Civica

Palazzo dell'Arengo - Pinacoteca Civica

Calcando i marmi del Palazzo dell’Arengo, tra gli splendenti lampadari di Murano, i preziosi tendaggi in velluto rosso e oro e una preziosa collezione di...

Scopri l'attrazione: Niccolò IV e il piviale di Ascoli Piceno

Niccolò IV e il piviale di Ascoli Piceno

Papa Niccolò IV (Girolamo Masci) fu il primo Papa francescano della Storia della Chiesa. Nacque nel 1227 a Lisciano (una frazione a pochi km da...

Scopri l'attrazione: Pinacoteca Civica

Pinacoteca Civica

La Pinacoteca, ospitata nel Palazzo Arringo, edificio medievale ristrutturato nei secoli XVII e XVIII, venne istituita nel 1861 a seguito delle soppressioni...

 

Itinerari per visitare REGIONE MARCHE