Pioraco

 
Località
Largo Giacomo Leopardi, 1 - Pioraco (MC)
0737.42142 0737.42485
 
Il territorio di Pioraco era abitato in epoca neolitica e conserva tracce di un santuario dell'età del bronzo sulla cima del Monte Primo (fine dell'XI-prima metà del X secolo a.C.), frequentato fino in epoca ellenistica.
Fu in seguito antica statio romana; nel Medio Evo “e’ castel murato et ha la torre”, caratterizzato dalle antichissime botteghe per la fabbricazione della carta; fu anche presidio fortificato del Ducato di Camerino durante la Signoria dei Varano. Tra i luoghi di interesse ricordiamo: la Pieve di San Vittorino, la cui esistenza è attestata dal 1119, costruita sopra i resti di un tempio romano, di cui riutilizza materiali di spoglio; la Chiesa romanica di San Francesco del 1327, che custodisce un dipinto attribuito al pittore Arcangelo di Cola; la Chiesa del Santissimo Crocifisso, in stile gotico-lombardo, che vanta un Crocifisso attribuito a Girolamo di Giovanni; la Chiesa della Madonna della Grotta, piccolo edificio del XVIII secolo costruito in una rientranza della parete rocciosa, utilizzata come romitaggio. Nella frazione di Seppio, la Chiesa parrocchiale di Santa Maria delle Lacrime ospita un dipinto di Madonna in trono con Bambino, opera del 1466 di Giovanni Boccati. Nella stessa frazione si trova anche la Chiesa rurale di Fonte Venere. Il municipio ospita: il Museo dei fossili, il Museo dei funghi e il Museo della carta e della filigrana, raccolta di filigrane artistiche e carte filigranate (per lo più appartenenti al periodo compreso tra i secc. XIV e XIX), le quali testimoniano la lunga evoluzione della fabbricazione della carta dall'origine fino ai nostri giorni. L'antica arte cartaria viene fatta rivivere nella Gualchiera Prolaquense dove, in un ambiente che riproduce una cartiera del 1300, si può assistere ai processi di lavorazione della carta fatta a mano da parte dei mastri cartai. La loro abilità si trasmette da generazioni. 
Pioraco fa parte del circuito Comune Amico del Turismo Itinerante, che offre alle autocaravan la possibilità di sostare utilizzando servizi essenziali come scarico e acqua potabile. 
 
Il centro storico, i monumenti e i musei del Comune sono parzialmente fruibili. Per informazioni scrivere al Numero Verde del Turismo della Regione Marche (numeroverde.turismo@regione.marche.it) o contattare i telefoni indicati sotto.
 
 
 

Le Attrazioni di Pioraco

 
 Posizione attrazione
 Struttura ricettiva
 Evento
 Attrazione
 
 

Attrazioni di Pioraco in Evidenza

Scopri l'attrazione: Musei Civici - Museo dei fossili e Museo dei funghi

Musei Civici - Museo dei fossili e Museo dei funghi

Il Museo è costituito da una raccolta di fossili, circa 1.200, di varie epoche provenienti sia da rocce locali (per lo più Ammoniti) che da altre...

Scopri l'attrazione: Museo della Carta e della Filigrana

Museo della Carta e della Filigrana

Il Museo situato nei locali del Comune, adiacenti alla Chiesa di San Francesco, ricca di testimonianze artistiche. Ospita al suo interno la Mostra della...

Scopri l'attrazione: Ponte Romamo Marmone

Ponte Romamo Marmone

Ponte Romano Marmone.All'interno dell'abitato di Pioraco, databile al I sec. a. C.Foto

Scopri l'attrazione: Santuario della Madonna della Grotta

Santuario della Madonna della Grotta

La chiesetta di Pioraco dedicata alla Madonna della grotta, già Madonna della carceri, è parzialmente incastonata nella viva roccia. Conserva la...

Scopri l'attrazione: Chiesa di S. Maria delle Lacrime

Chiesa di S. Maria delle Lacrime

La Madonna della Lacrime si trova nell'omonima chiesa parrocchiale di Seppio di Pioraco, l'immagine è dipinta dal Boccati su tavola ed è datata...

Scopri l'attrazione: Chiesa di S. Tossano

Chiesa di S. Tossano

La chiesa di San Tossano sorge all’ingresso del paese a monte del piccolo cimitero. Citata come “ S. Theosani de Avolla” l’edificio...

 

Itinerari per visitare Pioraco