Genga

 
Località
Via Roma, 4 - Genga (AN)
0732.973014 0732973344
 

Genga si trova nel cuore del Parco Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi e vanta la Bandiera Arancione.
Circondata da fitti boschi sulla cima di un colle nell’alta valle dell’Esino, è racchiusa tra le mura del medioevale castello ed è famosa per le Grotte di Frasassi, uno dei più importanti complessi ipogei d'Europa.

La cavità maggiore presente nelle Grotte di Frassasi è detta Grotta del Vento e si dice che le sue dimensioni permettero di contenere addirittura il Duomo di Milano. Il maestoso vano d'accesso della grotta di Frasassi ospita l'Eremo di Santa Maria infra Saxa citato nei documenti fin dal 1029 e composto da un semplice edificio in pietra nel cui interno si può ammirare una bella statua della Vergine del Canova.

Nelle immediate vicinanze sorge il Tempietto del Valadier, una struttura ottagonale in blocchi bianchi di travertino fatta erigere nel 1828 dal papa di Genga Leone XII su progetto del celebre architetto Giuseppe Valadier.

Nella frazione di San Vittore sorge la Chiesa di San Vittore alle Chiuse del XI sec, un bellissimo edificio romanico a croce greca, con l'annessa Abbazia ora adibita a Museo Speleo Paleontologico ed Archeologico, nel quale è custodito il fossile di ittiosauro, un rettile di ambiente marino che visse durante l'Era Mesozoica. Di fronte alla chiesa è possibile ammirare un ponte romano, difeso da una tronca torre gotica e poco lontano vi sorge un centro termale.

Nel castello di Genga offre ai visitatori il museo Arte, storia, territorio presso il palazzo Fiumi Sermattei, che espone i capolavori dell’antica chiesa di San Clemente, vero scrigno di arte e di storia con opere di Antonio da Fabriano.

Nei dintorni, merita una visita il Castello di Pierosara, già Castel Petroso con la sua torre civica e la vecchia porta di accesso al paese.

Tra le specialità gastronomiche ricordiamo: la crescia coi grasselli, la crescia cotta sotto la brace, il ciauscolo, i cavallucci, gli strozzapreti e la polenta col sugo di cinghiale.

Tra gli eventi più significativi che hanno luogo a Genga nel corso dell'anno segnaliamo: la Festa d'Autunno (fine ottobre-inzio novembre) e il Presepe Vivente di Genga, il più grande al mondo per estensione. Di norma, le rappresentazioni del Presepe Vivente si svolgono il 26 dicembre e 6 gennaio di ogni anno.


 
 
 

Le Attrazioni di Genga

 
 Posizione attrazione
 Struttura ricettiva
 Evento
 Attrazione
 
 

Attrazioni di Genga in Evidenza

Scopri l'attrazione: Sassoferrato - Mulino della Marena

Sassoferrato - Mulino della Marena

Incastonato in un scenario incantevole e suggestivo, nel mezzo di un territorio campestre accanto a una cascata e al punto d’intersezione dei torrenti...

Scopri l'attrazione: Museo delle Arti e Tradizioni Popolari

Museo delle Arti e Tradizioni Popolari

La raccolta, iniziata negli anni '50, è stata organizzata in museo nel 1979 all'interno del duecentesco palazzo Montanari, dove, nel 1245, anno della...

Scopri l'attrazione: Galleria Civica d’Arte Contemporanea G.B. Salvi - MAM’S – Mondo Arte Marche Sassoferrato

Galleria Civica d’Arte Contemporanea G.B. Salvi - MAM’S – Mondo Arte Marche Sassoferrato

Allestita nelle ampie ed eleganti sale di Palazzo degli Scalzi, seicentesco edificio situato in Piazza Gramsci, nel cuore del centro storico del Borgo, la...

Scopri l'attrazione: Monastero di S. Chiara

Monastero di S. Chiara

A Sassoferrato, nel cuore delle Marche, dal 1253 è presente una fraternità di "Sorelle Povere", la cui forma di vita è: ...

Scopri l'attrazione: Santuario della Madonna delle Grazie

Santuario della Madonna delle Grazie

Il santuardio della Madonna delle Grazie di Sassoferrato sorge a fianco dell'antico monastero delle clarisse, voluto da Agnese, contessa di Genga. La devozione...

Scopri l'attrazione: Civica Raccolta d'arte e Raccolta

Civica Raccolta d'arte e Raccolta "Incisori marchigiani"

La Raccolta "Incisori Marchigiani" è stata istituita grazie alla generosità dei coniugi Mirella e Franco Pagliarini, che hanno trasferito al...

 

Itinerari per visitare Genga