Camerino

 
Località
Via Pieragostini, 24 - Camerino (MC)
0737 634711 0737 632534 0737.637298
 

Camerino vanta un centro antico pressoché inalterato nel suo impianto medievale e nobili architetture di quella che fu la capitale del ducato dei Da Varano.

Situata su un colle tra le valli del Chienti ed del Potenza, chiusa dai Monti Sibillini e dal Monte San Vicino, a circa 50 km da Macerata, vanta la bandiera arancione. Piazza Cavour, al centro della quale si trova la statua di Sisto V, è delimitata da vari edifici tra cui il  Palazzo Ducale, che ospita la celebre e antica Università; al suo interno meritano una visita il cortile a portico, del XV secolo, la Sala degli Sposi, con affreschi quattrocenteschi e la Biblioteca Valentiniana, che vanta un prestigioso patrimonio librario. Ai piedi del Palazzo si trova l’Orto Botanico, di impianto ottocentesco; oltre a Palazzo Ducale, nella piazza sorgono il rinascimentale Palazzo Arcivescovile che ospita il museo diocesano e la Cattedrale, che conserva al suo interno il gruppo ligneo quattrocentesco della Madonna della Misericordia, chiamata familiarmente “la Madonna bella” e, nella cripta, la trecentesca arca gotica di Sant’Ansovino, antico vescovo della città.

Nel Convento di San Domenico, di origine duecentesca, sono ospitati la Pinacoteca (costituita da un’ampia raccolta pittorica e scultorea con opere datate tra il XIII e il XVIII secolo), la cui struttura ha retto al terremoto del 2016, il Museo Civico Archeologico, con reperti databili dal Neolitico al Medioevo, e il Museo di Scienze Naturali.

Altre attrazioni da non perdere sono: l' ottocentesco Teatro Filippo Marchetti, dalla pianta a ferro di cavallo, tre ordini di palchi e loggione; la Chiesa barocca di San Filippo, che conserva un capolavoro del Tiepolo ( L’Apparizione della Madonna col Bambino a San Filippo Neri), la Chiesa di Santa Maria in Via e la Rocca del Borgia, fatta edificare da Cesare Borgia, il famigerato duca del Valentino celebrato da Macchiavelli.

Poco fuori le mura cittadine sorge la Basilica di San Venanzio, ricostruita in stile neoclassico. A circa 3 km dal centro, in località Renacavata, sorge il Convento dei Cappuccini, casa madre dell’ordine, risalente al 1528. Nella sua chiesa è conservata una magnifica maiolica invetriata attribuita a Mattia della Robbia. 

Camerino è conosciuta per specialità gastronomiche come il ciauscolo IGP, il torrone camerinese (entrato nel Guinnes dei primati), il pan nociato e le pizze pasquali. Gli eventi di maggiori rilievo che hanno luogo a Camerino nel corso dell’anno sono: la Corsa alla Spada e Palio (maggio), il Camerino Festival e la Rassegna Internazionale di Musica e Teatro da Camera (agosto).

Il centro storico, i monumenti e i musei del Comune sono parzialmente fruibili. Per informazioni scrivere al Numero Verde del Turismo della Regione Marche (numeroverde.turismo@regione.marche.it) o contattare i telefoni indicati sotto.

I.A.T. - INFORMAZIONI TURISTICHE " PRO - CAMERINO "
Corso V. Emanuele II n.21 - 62032 CAMERINO MC
tel./fax : 0737-632534
cell: 345 8855294
web : www.proloco.camerino.sinp.net
e-mail : proloco@camerino.sinp.net


 
 
 

Le Attrazioni di Camerino

 
 Posizione attrazione
 
 

Attrazioni di Camerino in Evidenza


-
 

Itinerari per visitare Camerino